14 Settembre 2020 By Segreteria CT Scaligero Non attivi

Battiston sul tetto d’Italia, il tricolore Under 14 è suo

Nel torneo maschile il veneto Alessandro Battiston ha ottenuto una duplice con la vittoria sia in singolare che in doppio.

“È con grandissima soddisfazione che tutti noi abbiamo salutato la vittoria in singolo e doppio del nostro portacolori, Alessandro Battiston, nei campionati italiani Under 14.
Un ragazzo che si è subito integrato a meraviglia con gli agonisti, i maestri, i preparatori dello Scaligero.
Tra l’altro è un bravissimo ed educatissimo atleta. Un grandissimo merito al direttivo che è riuscito a tesserarlo battendo la concorrenza di tantissimi Circoli, alcuni con proposte economiche importanti. Ritengo sia doveroso ringraziare i suoi genitori per aver creduto in noi e nel nostro progetto. Gli auguriamo il meglio e proveremo ad aiutarlo nella realizzazione dei suoi obiettivi sportivi”.

Nulla è cambiato sotto il cielo della leva tennistica 2006. Lo hanno ribadito le due competizioni individuali valide per i Campionati italiani Under 14 by Noberasco. In particolare, per quanto riguarda il torneo maschile dedicato alla memoria di Federico Luzzi, il veneto Alessandro Battiston ha ottenuto una duplice conferma sui campi della Tennis Biella Academy, con la vittoria sia in singolare che in doppio (insieme a Giorgio Gatto).

Questa volta, per giunta, il successo è arrivato partendo dal ruolo di primo favorito del seeding. Condizione che non ha impressionato Battiston, bravo a tenere in mano le redini del gioco al punto da aver ceduto solo un set in tutto il torneo, in semifinale contro Lorenzo Carboni, portacolori della Sardegna. 

La potenza dei colpi di Battiston, specie del diritto, fondamentale molto migliorato, hanno fatto la differenza nel corso di tutto il torneo: quando tenuti sotto controllo, i suoi fendenti hanno fatto male a chi si è trovato dall’altra parte della rete. 

I campionati italiani sono l’appuntamento più importante dell’anno per i giocatori della nostra categoria e arrivarci da testa di serie numero uno mi ha messo addosso un po’ di pressione aggiuntiva, ma mi sono sentito bene durante tutto il torneo, ho sempre espresso il mio tennis e sono riuscito a imporre il mio gioco, per cui non posso che essere soddisfatto.

Alessandro Battiston